c8.6.5 – Vocazionalità pedoclimatica potenziale del territorio italiano per specie forestali ad uso energetico

Esposito S (1), Beltrano M C* (1), Raparelli E (2), Parisse B (1), Scaglione M (1)

(1) CRA-Unità di Ricerca per la climatologia e Metereologia Applicate all’Agricoltura; (2) CRA- Dipartimento Agricoltura Foresta e Territorio
Collocazione: c8.6.5 – Tipo Comunicazione: Presentazione orale
8° Congresso SISEF *
Sessione 6: “Arboricoltura da legno e Biomasse forestali” *

Contatto: Maria Carmen Beltrano (mariacarmen.beltrano@entecra.it)

Abstract: Le fonti energetiche rinnovabili rappresentano una priorità della politica dell’Unione Europea anche se al momento il loro impiego è ancora diffuso in maniera disomogenea e, soprattutto, in misura insufficiente. Fra le fonti energetiche rinnovabili, le colture destinate alla produzione di bioenergia possono costituire una valida via alternativa per il nostro Paese a condizione di favorirne la diffusione secondo la compatibilità rispetto alle potenzialità agro-meteo-pedologiche del territorio italiano. In questo lavoro, per il territorio nazionale, sono stati presi in considerazione alcuni fattori, quali clima, suolo e geomorfologia, che concorrono a determinare l’attitudine alla coltivazione di alcune specie forestali, come la Robinia pseudoacacia L., Eucaliptus spp., Salix spp, Populus spp. utilizzate a fini energetici. L’impostazione metodologica si è focalizzata inizialmente sulla scelta e sulla elaborazione di indici di tipo climatico che possano discriminare le caratteristiche di idoneità per l’introduzione e sostenibilità delle specie energetiche in Italia. Sono stati definiti ed elaborati alcuni indici climatici (T min e T max giornaliera, pioggia cumulata giornaliera) riferiti al periodo 1951-2006 stimati su 544 punti (nodi di griglia) del territorio italiano. Ogni nodo di griglia rappresenta il centroide di una cella meteo di circa 30 km di lato. Successivamente è stato considerato il fattore pedologico con l’elaborazione di un indice che tiene conto delle caratteristiche tessiturali e della profondità dei suoli; in questo caso l’unità di riferimento è un quadrato di 8 km di lato, per un totale di 5226 celle “pedo”. Infine si è cercato di definire un indicatore complesso di idoneità pedoclimatica , per ciascuna delle quattro specie prese in esame. Sono state individuate 5 classi di idoneità – le prime due di non idoneità, le restanti tre divise per differenti gradi di idoneità-. L’indice sintetico non tiene conto degli aspetti geomorfologici (altimetria e pendenza), che invece sono stati presi in considerazione nell’elaborazioni cartografiche realizzate con il supporto di strumenti GIS. In tal modo sono state elaborate mappe di vocazionalità attitudinale del territorio nazionale alla coltivazione delle specie bioenergetiche considerate.

Parole chiave: Bioenergie, Indici Pedoclimatici, Robinia Pseudoacacia L., Eucaliptus Spp.

Citazione: Esposito S , Beltrano M C , Raparelli E , Parisse B , Scaglione M (2011). Vocazionalità pedoclimatica potenziale del territorio italiano per specie forestali ad uso energetico . 8° Congresso Nazionale SISEF, Rende (CS), 04 – 07 Ott 2011, Contributo no. #c8.6.5