c8.5.1 – Gli indici di pericolo e di rischio a supporto della pianificazione antincendio boschivo regionale

Lovreglio R, Leone V, Bovio G, Marchi E, Scarascia Mugnozza G, Colangelo R

Collocazione: c8.5.1 – Tipo Comunicazione: Presentazione orale
8° Congresso SISEF *
Sessione 5: “Incendi forestali: modelli previsionali, impatti, recupero e governo del territorio” *

Contatto: Raffaella Lovreglio (rlovreglio@uniss.it)

Abstract: La pianificazione antincendio boschivo deve ispirarsi sempre più al modello dell’Integrated Fire Management, in cui tutte le componenti della attività di prevenzione e di difesa sono presenti, interconnesse e funzionalmente dimensionate tra loro. Un organico piano di difesa deve, quindi, essere finalizzato ad agire sulle cause, modificandole, oltre che a mitigare le conseguenze degli incendi, enfatizzando in modo particolare la prevenzione. Lo studio delle cause predisponenti mira alla individuazione della pericolosità del fenomeno per valutare la propagazione e le difficoltà di contenimento degli incendi boschivi. La determinazione del grado di pericolo esprime, nel breve periodo e per un dato territorio, la probabilità che una determinata formazione forestale possa essere interessata da un incendio in relazione ai fattori predisponenti di varia natura, variabili nel tempo. Il significato di base dell’indice di pericolo è quello di graduare oggettivamente condizioni di allerta, di allarme, inasprimento di divieti, interdizione di attività potenzialmente pericolose. La Regione Puglia si avvale oggi di un proprio sistema operativo per la previsione a 24, 48 e 72 h dell’indice FWI su tutto il territorio regionale. con risoluzione di 4 km. Il sistema modellistico che calcola FWI si attiva automaticamente alla fine di ogni simulazione meteorologica e genera quotidianamente tre mappe di pericolosità riferite ai tre giorni successivi disponibili in vari formati (png, esri raster, esri vector, etc.). Il Fire Weather Index (FWI) è l’indice di pericolosità (originariamente sviluppato dal Canadian Forest Service) considerato il più attendibile nell’area del bacino del mediterraneo. Il lavoro illustra gli indici di pericolo e di rischio utilizzati nel nuovo piano della Regione Puglia per la programmazione delle attività di prevenzione, previsione e lotta attiva agli incendi boschivi. Per lo studio dell’andamento temporale del fenomeno per il periodo dal 1998 al 2007è stato utilizzato sia il FWI medio mensile fornito da EFFIS che il derivato MSR (Monthly Severity Rating) fornito da European Centre for Medium Range Weather Forecast (ECMWF) ERA40, per la valutazione delle difficoltà operative. La valutazione del rischio è stata elaborata a livello regionale adattando opportunamente la formulazione di Chuvieco e Congalton. L’analisi a livello provinciale è stata condotta considerando gravità e pericolosità delle diverse zone omogenee, definite mediante il rispettivo valore di RASMAP. Il lavoro illustra altresì i criteri di priorità derivanti dall’uso contemporaneo dei due indici.

Parole chiave: Indice di Pericolo, Mappe di Pericolo, Piano Antincendio Boschivo, Incendi Boschivi

Citazione: Lovreglio R, Leone V, Bovio G, Marchi E, Scarascia Mugnozza G, Colangelo R (2011). Gli indici di pericolo e di rischio a supporto della pianificazione antincendio boschivo regionale . 8° Congresso Nazionale SISEF, Rende (CS), 04 – 07 Ott 2011, Contributo no. #c8.5.1