c7.4.5 – Esigenze di ricerca in selvicoltura per la gestione sostenibile in Sardegna: spunti di riflessione stimolati dal piano forestale ambientale regionale (PFAR)

Campus S*, Scotti R, D’Angelo M

UniSS/Forestry School of Nuoro, Via C. Colombo 1, Nuoro
Collocazione: c7.4.5 – Tipo Comunicazione: Presentazione orale
7° Congresso SISEF *
Sessione 4: “Gestione sostenibile del paesaggio forestale” *

Contatto: Sergio Campus (campus.sergio@gmail.com)

Abstract: La foresta mediterranea è un sistema complesso, al centro di una serie di problematiche con cui la gestione dei boschi dovrà inevitabilmente confrontarsi. Numerose emergenze e richieste si sovrappongono e data la loro complessità è necessaria un’approfondita analisi per valutarne l’importanza strategica ed evidenziarne criticità e potenzialità. In Sardegna si riscontrano purtroppo carenze conoscitive in merito alle risorse forestali e ambientali così gravi da condizionare negativamente le possibilità di pianificazione e programmazione in materia. L’attività di ricerca si è fino ad oggi sovraesposta quasi esclusivamente a favore della subericoltura forte di una notevole estensione delle sugherete e di un processo di filiera di lunga tradizione, distogliendo l’attenzione da altre numerose questioni di fondo. In realtà la Sardegna annovera una superficie di interesse per l’inventario forestale (del carbonio) che la pone ai primissimi posti a livello nazionale e i cui connotati, spiccatamente diversificati, evidenziano aspetti peculiari di notevole valenza ambientale e socio-culturale. In molti di questi contesti la gestione selvicolturale o è assente o è poco appropriata (sostenibile) e contribuisce talvolta a comporre un quadro di degrado socio-economico, culturale ed ambientale. La Regione si è dotata dal 2006-2007 del PFAR che rappresenta oggi lo strumento quadro per la pianificazione e gestione del territorio forestale e agro-forestale regionale. Di rilevanza strategica e di impianto innovativo, esso è attualmente all’avanguardia a livello nazionale nella prospettiva del recepimento dei principi della Gestione Forestale Sostenibile. Ricerca applicata e sperimentazione sono elementi imprescindibili nel quadro dell’implementazione della GFS. Il PFAR evidenzia la loro importanza individuando queste questioni come uno dei quattro macro-obiettivi che il Piano stesso propone. Infatti, senza il potenziamento delle conoscenze, anche la tutela dell’ambiente e la competitività del settore non potrebbero ricevere il supporto tecnico-conoscitivo minimo indispensabile. Tuttavia, nonostante le citate lacune conoscitive è necessario dare urgentemente corso anche agli altri macro-obiettivi del PFAR senza aspettare i risultati della ricerca scientifica, strutturalmente deficitaria soprattutto per quanto concerne gli aspetti selvicolturali. Il presente lavoro si propone, in questa ottica, di offrire un contributo producendo un inquadramento delle problematiche di ricerca in selvicoltura, di maggiore rilievo nel contesto regionale, approfittando dell’analisi e degli spunti offerti a questo proposito proprio dalla documentazione prodotta dal PFAR, esplicitando i diversi quesiti posti alla selvicoltura.

Citazione: Campus S, Scotti R, D’Angelo M (2009). Esigenze di ricerca in selvicoltura per la gestione sostenibile in Sardegna: spunti di riflessione stimolati dal piano forestale ambientale regionale (PFAR) . 7° Congresso Nazionale SISEF, Isernia – Pesche (IS), 29 Set – 03 Ott 2009, Contributo no. #c7.4.5