c6.4.3 – Tecniche di gestione delle infestanti nei recuperi ambientali con specie arboree e arbustive in aree golenali

Chiarabaglio PM, Incitti T, Picco F, Rossi AE

C.R.A. – Istituto di Sperimentazione per la Pioppicoltura Str. Frassineto, 35 – 15033 Casale Monferrato AL – Italy
Collocazione: c6.4.3 – Tipo Comunicazione: Presentazione orale
6° Congresso SISEF *
Sessione 4: “Sessione 4: Biodiversità, cambiamenti climatici, monitoraggio” *

Contatto: Pier Mario Chiarabaglio (chiarabaglio@populus.it)

Abstract: Le formazioni boschive lungo i corsi d’acqua sono da tempo oggetto di attenzione e di finanziamento da parte degli enti territoriali: vengono redatti progetti di recupero ambientale per piani di rinaturalizzazione e/o recupero di aree, per la creazione di fasce boscate lungo i fiumi, per realizzare o intensificare le reti ecologiche presenti su un territorio sempre più frammentato dalla massiccia antropizzazione. Nella realizzazione di queste nuovi impianti forestali, in zone spesso degradate, le giovani piante messe a dimora sono a rischio di sopravvivenza per la competizione con la vegetazione infestante. Per individuare le tecniche più idonee per il contenimento delle infestanti sotto il profilo dell’efficacia, dell’impatto ambientale e dell’economicità dell’operazione, è stato realizzato un impianto sperimentale con specie pioniere (Pioppo bianco e Pioppo nero) e altre specie arboree e arbustive appartenenti a formazioni forestali golenali più stabili. L’impianto è stato trattato con una trinciatura della vegetazione spontanea nell’interfilare e con 4 tecniche di contenimento delle erbe infestanti attorno alle piante: 1. diserbo meccanico; 2. diserbo chimico con glufosinate d’ammonio; 3. diserbo chimico con glifosate; 4. inerbimento della parcella attraverso semina di miscuglio polifita oltre a una parcella di controllo sulla quale sono state effettuate solo le trinciature dell’interfila. Subito dopo l’impianto, prima del trattamento, sono stati rilevati gli attecchimenti delle piante messe a dimora e sono stati effettuati rilievi fitosociologici della vegetazione erbacea infestante al fine di quantificarne la composizione specifica. A fine stagione vegetativa, a trattamento effettuato, è stata valutata la mortalità delle specie messe a dimora. La sostenibilità degli interventi chimici e meccanici è stata valutata: 1. studiando la microfauna edafica al fine di ricavare, attraverso l’indice QBS-ar, la qualità biologica del suolo; 2. con ulteriori rilievi fitosociologici, per individuare le influenze sulla componente floristica e vegetazionale. I risultati dello studio forniscono informazioni per migliorare l’efficienza degli impianti di recupero ambientale con specie arboree e arbustive, considerando anche gli impatti che le diverse tecniche gestionali provocano sull’ambiente, al fine di individuare le più idonee per una gestione sostenibile.

Citazione: Chiarabaglio PM, Incitti T, Picco F, Rossi AE (2007). Tecniche di gestione delle infestanti nei recuperi ambientali con specie arboree e arbustive in aree golenali . 6° Congresso Nazionale SISEF, Arezzo, 25 – 27 Set 2007, Contributo no. #c6.4.3