c5.2.7 – I cambiamenti climatici indotti dalla formazione dell’invaso di occhito nella media valle del fiume Fortore e loro conseguenze sulla vegetazione

Tartarino P (*), Gualdi V, Urbano V, Greco R

Dipartimento di Scienze delle Produzioni Vegetali – Univ. BA
Collocazione: c5.2.7 – Tipo Comunicazione: Presentazione orale
5° Congresso SISEF *
Sessione 2: “Foreste, clima e protocollo di Kyoto” *

Contatto: P Tartarino (patrizia.tartarino@agr.uniba.it)

Abstract: La formazione, in tempi relativamente brevi, di invasi di grandi e medie dimensioni, lungo corsi d’acqua di adeguata portata, provoca cambiamenti del clima delle valli interessate che possono avere effetti sulla vegetazione in esse presente. Lo studio svolto si riferisce a quello realizzato nella media valle del Fiume Fortore, ubicata fra i Monti dauni e molisani, con la costruzione in località Occhito di una delle più grandi dighe in materiali sciolti d’Europa. Essa é stata costruita, fra il 1957 ed il 1966, dal Consorzio di bonifica di Capitanata, nell’intento di disporre di una riserva d’acqua, da impiegare per le colture agricole di numerosi distretti irrigui del Tavoliere. La capacità complessiva dell’invaso, così realizzato, supera i 300 x 106 m3 di acqua, di cui 250 x 106 utili. La ricerca dell’entità delle variazioni climatiche indotte nella valle indicata dall’invaso considerato é stata svolta sulla base dei dati raccolti nelle stazioni ombrotermiche presenti nell’area di studio e in altre distanti da essa. L’elaborazione dei dati riferiti ai principali parametri climatici del ventennio 1951-1970, precedente il riempimento dell’invaso, e del trentennio 1971-2000, a esso successivo, ha consentito di accertare dette variazioni per le stazioni meteorologiche ricadenti nell’area, ma non per le altre, che distano da essa. Le variazioni riscontrate, come ci si aspettava, hanno riguardato, in particolare, le temperature minime dell’aria, che subiscono aumenti strettamente correlati alla quantità di acqua raccolta, con oscillazioni di breve periodo, connesse alla accentuata mediterraneità dell’area. L’effetto termoregolatore delle acque così raccolte, estremamente variabile nel tempo con gli afflussi idrometeorici, ha effetti, anche notevoli, sulla vegetazione, in particolare sulle specie annuali e su quelle poliennali interessate dai processi dinamici delle foreste e delle macchie, nonché degli impianti realizzati a difesa dell’invaso.

Citazione: Tartarino P , Gualdi V, Urbano V, Greco R (2005). I cambiamenti climatici indotti dalla formazione dell’invaso di occhito nella media valle del fiume Fortore e loro conseguenze sulla vegetazione . 5° Congresso Nazionale SISEF, Grugliasco (TO), 27 – 29 Set 2005, Contributo no. #c5.2.7