c2.4.7 – Il bilancio del carbonio degli ecosistemi forestali e il protocollo di Kyoto. Confronto tra misure di ’stocks’ e di flussi: risultati dal progetto EUROFLUX

Matteucci G*, Masci A, Scarascia Mugnozza G, Valentini R

DISAFRI, Univ. Tuscia, v. S. Camillo de Lellis, 01100 Viterbo (VT)
Collocazione: c2.4.7 – Tipo Comunicazione: Presentazione orale
2° Congresso SISEF *
Sessione 4: “Foreste e cambiamenti climatici: ricerca e applicazioni dopo Kyoto” *

Abstract: Il Protocollo di Kyoto pone nuove sfide alla ricerca forestale. L’articolo 3, che riguarda il modo nel quale si possono raggiungere gli obiettivi di riduzione, è quello che ha più rilevanza per il settore forestale. In particolare, i cambiamenti nelle emissioni di gas-serra dovuti a limitazioni delle sorgenti e/o alla rimozione attraverso assorbimento dovranno essere riportati in modo trasparente e verificabile, tramite un inventario annuale sia delle emissioni che dell’assorbimento di CO2 da parte dei sistemi forestali e di altre riserve naturali di carbonio. Il protocollo, introducendo il principio che cambiamenti verificabili nelle riserve (stocks) di carbonio in seguito alle modificazioni di uso del suolo ed alle attività forestali possano essere utilizzati come credito per la riduzione delle emissioni industriali, assegna un ruolo importante alla gestione sostenibile del patrimonio forestale. Una delle istanze che il mondo scientifico sta cercando di far presente è quella relativa all’opportunità di considerare il bilancio del carbonio in tutte le sue componenti, non solo quella epigea. Infatti, evidenze sperimentali, ottenute in numero sempre maggiore in anni recenti tramite la misura diretta degli scambi di carbonio a livello di copertura forestale, mostrano chiaramente il ruolo che la componente ipogea ha nel bilancio di carbonio di un ecosistema, che può addirittura risultare in perdita (emissione verso l’atmosfera), nonostante sia possibile misurare un incremento di biomassa nei fusti degli alberi. Nel corso dell’intervento verranno presentati i risultati ottenuti in alcuni sistemi forestali europei, studiati nell’ambito dei progetti EUROFLUX e CANIF, che hanno utilizzato, rispettivamente, la misura dei flussi (’eddy correlation’) e quella degli stocks per quantificare il bilancio del carbonio. Particolare attenzione sarà rivolta alla componente di produttività che è allocata al di sotto della superficie del suolo, sia come incremento dell’apparato radicale principale, che come turn-over di radici fini e variazione del contenuto di sostanza organica.

Citazione: Matteucci G, Masci A, Scarascia Mugnozza G, Valentini R (1999). Il bilancio del carbonio degli ecosistemi forestali e il protocollo di Kyoto. Confronto tra misure di ’stocks’ e di flussi: risultati dal progetto EUROFLUX . 2° Congresso Nazionale SISEF, Bologna, 20 – 22 Ott 1999, Contributo no. #c2.4.7