c1.1.3 – Acclimatazione e adattamento come determinanti della produzione forestale

Borghetti M

Dipartimento di Produzione Vegetale, Università della Basilicata
Collocazione: c1.1.3 – Tipo Comunicazione: Presentazione orale
1° Congresso SISEF *
Sessione 1: “Impatto dei cambiamenti globali e del territorio sulle foreste” *

Abstract: I fattori genetici e quelli ambientali interagiscono nel determinare gli attributi morfo-fisiologici e le prestazioni degli alberi forestali. La possibilità di cambiamenti ambientali globali e, in particolar modo, le modificazioni climatiche apparentemente già in atto (aumento della concentrazione atmosferica di CO2, alterazione dei regimi pluviometrici, ecc.), conferiscono importanza alle ricerche che possano produrre delle proiezioni sulle prestazioni produttive delle foreste nell’ambiente di domani. L’analisi della letteratura porta a riconoscere, in questo campo, due principali filoni di ricerca: quello genetico-evoluzionistico, che pone l’accento sui processi di selezione e di adattamento che hanno luogo a livello di popolazione; e quello ecofisiologico, in cui la reazione dell’albero ai cambiamenti ambientali viene spesso interpretata in termini di plasticità fisiologica e meccanismi di acclimatazione. I tempi previsti per il cambiamento ambientale e le caratteristiche biologiche della specie, con particolare riguardo alla lunghezza dei cicli riproduttivi, possono rappresentare la misura con cui valutare l’impostazione e i risultati della ricerca. Vengono presentati casi che mettono in chiaro questi diversi approcci di ricerca, con particolare riferimento alle metodologie e agli strumenti loro propri.

Citazione: Borghetti M (1997). Acclimatazione e adattamento come determinanti della produzione forestale . 1° Congresso Nazionale SISEF, Legnaro (PD), 04 – 06 Giu 1997, Contributo no. #c1.1.3