c8.11.17 – Analisi quantitativa e mappatura delle High Conservation Value Forests (HCVFs) in Italia

Maesano M, Lasserre B, Tonti D, Marchetti M

EcoGeoFor – Laboratorio di Ecologia e Geomatica Forestale, Dipartimento di Scienze e Tecnologie per l’Ambiente e il Territorio, Università degli Studi del Molise, contrada Fonte Lappone snc, I-86090 Pesche (IS – Italy).
Collocazione: c8.11.17 – Tipo Comunicazione: Poster
8° Congresso SISEF *
Sessione 11: “Poster” *

Contatto: Mauro Maesano (mauro.maesano@unimol.it)

Abstract: Le foreste svolgono molteplici funzioni interdipendenti (sociali, economiche ed ambientali), spesso simultanee e concentrate nello stesso luogo. Per preservare tale multifunzionalità occorrono approcci di gestione sostenibile equilibrati e fondati su adeguate informazioni sulle foreste. La Gestione Forestale Sostenibile (GFS) si occupa della conservazione della biodiversità, della protezione della risorsa suolo e delle acque, del contributo delle foreste al ciclo globale del carbonio, così come della produzione di legname e dei Prodotti Forestali non Legnosi (PFNL). La certificazione forestale può essere definita come un nuovo strumento per migliorare la GFS utilizzato nella politica ambientale per concretizzare i Principi e Criteri su cui si basa la GFS. A livello internazionale e nazionale esistono numerosi schemi di certificazione, ma tra i più riconosciuti e diffusi vi è quello della “buona gestione forestale” del Forest Stewardship Council (FSC). La certificazione FSC ha sviluppato nel 1999 un nuovo concetto chiamato High Conservation Value Forest (HCVF), contenuto all’interno del Principio 9, la cui chiave è l’identificazione, all’interno delle aree boscate, degli alti valori ambientali (High Conservation Values – HCVs) dal punto di vista ecosistemico, socio-economico, della biodiversità e del paesaggio. Esistono sei tipologie di HCV: HCV1) aree forestali contenenti elevati valori di biodiversità a livello mondiale, regionale o nazionale; HCV2) aree forestali importanti dal punto di vista della loro estensione e che contiene al suo interno elevati valori di biodiversità o con funzione di corridoio ecologico per questa; HCV3) aree forestali che contengono ecosistemi rari, minacciati o in pericolo di estinzione; HCV4) aree forestali che forniscono i servizi fondamentali della natura in situazioni critiche (controllo dell’erosione, inondazioni, slavine, ecc.); HCV5) aree forestali che forniscono risorse essenziali per le comunità locali; HCV6) aree forestali importanti dal punto di vista religioso e culturale delle popolazioni locali. L’approccio utilizzato in questo lavoro è stato quello di mappare le aree in base ai valori presenti sul territorio nazionale. A seguito del lavoro di Maesano M et al, 2011 (Prima analisi a livello nazionale per l’identificazione delle High Conservation Value Forests (HCVFs). Forest@ 8: 22-34 [online: 2011-02-17]) si è proceduto ad un’analisi in ambiente GIS, in base alle fonti attualmente disponibili in Italia, ed utilizzando il Corine Land Cover 2006 al IV livello di dettaglio per la distinzione delle varie categorie forestali presenti, si sono identificate le aree HCVFs. Il 40 % delle foreste italiane è stato identificato come HCVFs. Attraverso l’individuazione delle HCVFs si cerca di migliorare (o per lo meno mantenere) i valori individuati all’interno delle unità di gestione, introducendo il concetto nel piano di assestamento. Infatti la definizione di HCVFs basata sull’identificazione dei valori che attribuiscono importanza ad una foresta differisce da altre definizioni come quelle delle foreste primarie, boschi vetusti, o di quelle basate sui metodi di utilizzazione e di gestione. Questo nuovo concetto può essere considerato un elemento innovativo di notevole importanza per la gestione sostenibile delle foreste ed un’opportunità di grande interesse per il monitoraggio delle aree forestali di notevole valore.

Parole chiave: Fsc, Hcvf, Gfs, Certificazione Forestale

Citazione: Maesano M, Lasserre B, Tonti D, Marchetti M (2011). Analisi quantitativa e mappatura delle High Conservation Value Forests (HCVFs) in Italia . 8° Congresso Nazionale SISEF, Rende (CS), 04 – 07 Ott 2011, Contributo no. #c8.11.17