c8.10.8 – Esempio di applicazione del metodo Landscape Function Analysis (LFA) per la valutazione dell’efficacia di azioni di restauro ecologico in un area degradata sottoposta a rimboschimento nel sud della Sardegna

Campus S* (1), Scotti R (1), D’angelo M (2), Fava F (3), Pulighe G (3), Zucca C (3)

(1) Forestry School di Nuoro, Università degli Studi di Sassari; (2) Ente Foreste Sardegna; (3) NRD, Nucleo Ricerca Desertificazione, Università degli Studi di Sassari
Collocazione: c8.10.8 – Tipo Comunicazione: Poster
8° Congresso SISEF *
Sessione 10: “Poster” *

Contatto: Sergio Campus (campus.sergio@gmail.com)

Abstract: La Landscape Function Analysis (LFA) è una metodologia di monitoraggio sviluppata in Australia negli anni ’90 il cui obiettivo è quello di definire strumenti di valutazione ambientale tesi al ripristino di sistemi agro-silvo-pastorali degradati (rangelands). Lo “stato ambientale” viene monitorato mediante la definizione di indici sintetici basati su indicatori, speditamente rilevati in campo, che riflettono alcune specifiche caratteristiche del suolo quali la stabilità, la capacità di infiltrazione e il ciclo dei nutrienti. Tali valutazioni di funzionalità sono, a loro volta, integrate dalla caratterizzazione dell’organizzazione strutturale (pattern spaziale) e compositiva della vegetazione. La metodologia LFA è stata finora largamente sperimentata in varie aree del pianeta interessate da fenomeni di degrado ottenendo significative corrispondenze tra gli indici testati e le variabili misurate. A partire dal 2009 è in fase di implementazione il progetto europeo denominato PRACTICE il cui principale obiettivo è quello di evidenziare, far riconoscere e condividere “buone pratiche” contro la desertificazione nell’ambito di una vasta partnership che comprende anche l’Italia. La piattaforma di PRACTICE, progetto ormai giunto al termine del suo secondo anno, è costituita da numerosi siti sperimentali in cui sono state definite “azioni” tese al recupero funzionale di aree interessate da fenomeni di degrado e sperimentati protocolli integrati di valutazione delle azioni proposte. La Landscape Function Analysis è stata adottata dal progetto PRACTICE quale metodologia di riferimento per la valutazione della funzionalità bio-ecologica dei sistemi ambientali sottoposti alle azioni di ripristino, ad integrazione di valutazioni ottenute tramite remote-sensing e di carattere socio-economico. Il sito italiano di PRACTICE è localizzato a Pula (Ca) dove a partire dagli anni ’50 è stata realizzata un’importante opera di rimboschimento, mediante prevalente impiego di pino domestico (Pinus pinea). Tali interventi furono finalizzati al recupero funzionale di un vasto bacino montano interessato da consistenti fenomeni di degrado. Il presente lavoro si propone di formulare un primo inquadramento sulla valutazione, attraverso la sperimentazione del metodo LFA, dell’efficacia delle azioni intraprese per mitigare gli effetti della desertificazione. Sono state finora considerate le azioni di diradamento della conifera, assenza di diradamento, self-restoration in assenza di fattori di pressione. Tali azioni sono, a loro volta, confrontate con un’area testimone tuttora soggetta a pressione antropica. Congiuntamente, si intende valutare l’efficacia degli indici proposti in un contesto forestale artificiale, ossia una realtà profondamente diversa da quelle per cui la metodologia LFA ha finora trovato il suo naturale luogo di applicazione e proporre eventuali integrazioni.

Parole chiave: Landscape Function Analysis, Restauro Ecologico, Mitigazione Della Desertificazione, Monitoraggio Dinamiche Evolutive

Citazione: Campus S , Scotti R , D’angelo M , Fava F , Pulighe G , Zucca C (2011). Esempio di applicazione del metodo Landscape Function Analysis (LFA) per la valutazione dell’efficacia di azioni di restauro ecologico in un area degradata sottoposta a rimboschimento nel sud della Sardegna . 8° Congresso Nazionale SISEF, Rende (CS), 04 – 07 Ott 2011, Contributo no. #c8.10.8