c8.10.5 – L’importanza paesaggistica e ecologica degli alberi fuori foresta nel tessuto agrario e montano molisano

Ottaviano M*, Chirici G, Tonti D, Marchetti M

Collocazione: c8.10.5 – Tipo Comunicazione: Poster
8° Congresso SISEF *
Sessione 10: “Poster” *

Contatto: Marco Ottaviano (ottaviano@unimol.it)

Abstract: Le “aree forestali non boschive” sono rappresentate dagli alberi sparsi, dalle formazioni lineari e dai boschetti. Si tratta di popolamenti che seppur di estensione limitata svolgono un importantissimo ruolo multifunzionale soprattutto nei paesaggi agrari, ove costituiscono gli unici elementi naturali che svolgono un ruolo di serbatoi di biodiversità e di connessione ecologica. Anch’essi, inoltre, contribuiscono all’immagazzinamento dell’anidride carbonica e alla riduzione dell’inquinamento atmosferico. Le fasce tampone boscate vere e proprie sono fasce di vegetazione arborea o arbustiva che separano i corpi idrici (fossi, canali, fiumi, laghi) da una possibile fonte di inquinamento. Spesso sono formazioni a sviluppo lineare (siepi), il cui ruolo si integra in una più ampia strategia di protezione ambientale che comprende l’incremento della biodiversità, il ripristino del paesaggio, la riqualificazione degli ambiti fluviali. In questo contesto è stato avviato un progetto per la quantificazione di queste superfici che permettesse di stimarne la superficie senza per forza ricorrere alla mappatura totale. Con i risultati preliminari del progetto è stato possibile valutare quanto queste formazioni siano importanti per un ambiente come quello agrario, Bassomolise, che è di solito caratterizzato da un paesaggio estremamente complesso. Oltre che per le aree rurali l’analisi è stata condotta anche in aree montane, Altomolise, per poter valutare le differenze, sia in termini di superficie e sia in termini di funzione ecologica, in due paesaggi che sono il risultato di cambiamenti socio-economici rilevanti negli ultimi decenni, soprattutto per quello che riguarda il bilancio demografico. È stata realizzata la mappatura, tramite fotointerpretazione, delle copertura di tali superfici utilizzando come dato di base ortofoto generate dalle bande del sensore ADS40 del volo effettuato nel settembre del 2007. La fotointerpretazione è realizzata utilizzando una maglia di esagoni di 1 km2 di superficie ognuno. Le superfici mappate sono state elaborate poi con il software GUIDOS, intergrandole con la Carte Forestale del Molise, questo ha permesso di valutare la funzione di connettività che svolgono queste superfici, creando un sistema connessioni tra le superfici mappate dalla Carta Forestale e tra elementi del paesaggio in genere. È stato inoltre possibile valutare la potenzialità dei nuclei in fase di espansione, che non svolgono ancora una reale funzione di connessione, ma che potrebbero svolgerla in futuro.

Parole chiave: Alberi Fuori Foresta, Ecologia, Connettività, Fotointerpretazione, Paesaggio,

Citazione: Ottaviano M, Chirici G, Tonti D, Marchetti M (2011). L’importanza paesaggistica e ecologica degli alberi fuori foresta nel tessuto agrario e montano molisano . 8° Congresso Nazionale SISEF, Rende (CS), 04 – 07 Ott 2011, Contributo no. #c8.10.5