c7.4.1 – La partecipazione pubblica nella pianificazione forestale: due casi di studio nella realtà italiana

Cantiani MG (1), Cantiani P (2), De Meo I (3), Ferretti F* (4)

(1) Dipartimento DICA, Università di Trento; (2) CRA-SEL, Arezzo; (3) CRA-MPF, Villazzano (TN); (4) CRA-SFA, Isernia
Collocazione: c7.4.1 – Tipo Comunicazione: Presentazione orale
7° Congresso SISEF *
Sessione 4: “Gestione sostenibile del paesaggio forestale” *

Contatto: Isabella De Meo (isabella.demeo@entecra.it)

Abstract: L’attuazione di un processo partecipativo nella pianificazione forestale permette di raggiungere diversi obiettivi: fornire uno strumento condiviso di gestione del territorio, considerare le reali esigenze della popolazione (dimensione sociale della sostenibilità), coniugare le conoscenze tecniche con quelle locali, sensibilizzare e informare la popolazione sulle funzioni e i valori del bosco. In particolare, in ogni fase della realizzazione di un Piano Forestale Territoriale di Indirizzo (PFTI) assume particolare rilevanza il processo partecipativo sia nell’individuare gli obiettivi di piano, sia nell’attuazione degli interventi previsti. Un piano partecipato diviene un reale strumento di sviluppo del territorio aderente alle esigenze delle realtà locali e riduce la possibilità che insorgano situazioni conflittuali Il presente contributo riporta due casi studio riguardanti tale ambito: il primo interessa il territorio della Provincia Autonoma di Trento, il secondo la Comunità Montana Colline Materana in Provincia di Potenza. Il caso di Trento illustra i risultati di una ricerca volta ad evidenziare opinioni e necessità degli abitanti della città nei confronti del bosco e della sua gestione. L’indagine è stata effettuata tramite un questionario inviato ad un campione di 1000 famiglie estratto casualmente dall’anagrafe. La conoscenza delle priorità che vengono attribuite dalla popolazione alle funzioni del bosco è risultato un importante elemento per la definizione delle politiche forestali attuate dall’ amministrazione competente. Il caso della Comunità Montana Collina Materana è un esempio di piano in cui il coinvolgimento della comunità locale ha riguardato tutto l’iter di pianificazione: dalle indagini preliminari fino alla definizione delle linee di intervento contenute nel PFTI. Le diverse fasi di coinvolgimento degli attori sono state condotte da un gruppo di accompagnamento della pianificazione con metodi e strumenti diversi. Un intento che si vuole raggiungere con entrambi i casi studio è quello di delineare una metodologia che dia la possibilità di trasferire la procedura attuata ad altre realtà e contesti del territorio italiano.

Citazione: Cantiani MG , Cantiani P , De Meo I , Ferretti F (2009). La partecipazione pubblica nella pianificazione forestale: due casi di studio nella realtà italiana . 7° Congresso Nazionale SISEF, Isernia – Pesche (IS), 29 Set – 03 Ott 2009, Contributo no. #c7.4.1