c7.1.6 – Valutazione del danno economico da incendi boschivi in Molise

Garfì V* (1), Ottaviano M (1), Pettenella D (2), Chirici G (1), Marchetti M (1)

(1) Dipartimento STAT, Università degli Studi del Molise; (2) Dipartimento TESAF, Università di Padova, AGRIPOLIS
Collocazione: c7.1.6 – Tipo Comunicazione: Presentazione orale
7° Congresso SISEF *
Sessione 1: “Inventariazione e monitoraggio ambientale” *

Contatto: Vittorio Garfì (vittorio.garfi@unimol.it)

Abstract: In Italia, gli incendi boschivi rappresentano una calamità che investe significativamente il patrimonio boschivo nazionale, con decine di migliaia di ettari percorsi ogni anno. Nonostante ciò, ancora relativamente scarsa è l’informazione sull’effettivo danno economico (sensu lato) prodotto dai diversi tipi di incendi. Solamente una valutazione dell’effettivo impatto ecologico-economico (perdita di produzioni legnose e non legnose, riduzione della capacità di difesa idrogeologica, riduzione del valore turistico-ricreativo e naturalistico, emissione di biossido di carbonio,…) può fornire una base sicura per analisi costi-benefici e per commisurare l’investimento in sforzi difensivi e di ripristino ai valori delle differenti realtà socio-economiche e ambientali del Paese. In questo lavoro viene stimato il danno economico causato dal passaggio del fuoco in un’area boscata della regione Molise verificatosi nell’estate del 2008. La metodologia adottata, proposta da Pettenella et al.(2007), prevede la suddivisione del danno in tre componenti: A. costi di spegnimento, relativi alle macchine, attrezzature e al personale impiegato nell’azione di lotta attiva; B. danno ambientale, relativo al venir meno di una serie di prodotti e servizi con e senza mercato; C. danni esterni straordinari alle persone e alle infrastrutture. e l’utilizzo di dati prevalentemente acquisiti da fonti esterne e mediante rilevamento a terra. La necessità del rilevamento a terra del danno ambientale immediatamente a ridosso dell’evento e la quantità di dati necessari, possono spesso rappresentare un ostacolo all’applicazione della metodologia. Per ovviare a tali inconvenienti, la metodologia utilizzata è stata implementata con applicazioni di geomatica. Nello specifico si è cercato di stimare la gravità del danno da scottatura delle piante utilizzando immagini ricavate dal sensore ADS40 quale strumento integrativo per l’applicazione del metodo degli effetti riscontrabili, al fine di determinare il livello di danneggiamento conseguente all’incendio. L’applicazione della metodologia con le implementazioni apportate ha prodotto buoni risultati confermando la possibilità di utilizzo di misurazioni dei parametri, per la definizione del danno, ottenute da immagini telerilevate.

Citazione: Garfì V , Ottaviano M , Pettenella D , Chirici G , Marchetti M (2009). Valutazione del danno economico da incendi boschivi in Molise . 7° Congresso Nazionale SISEF, Isernia – Pesche (IS), 29 Set – 03 Ott 2009, Contributo no. #c7.1.6