c6.8.15 – Il Programma Europeo TREEBREEDEX

Ducci F (1), Paques LE (2)

(1) CRA – ISSEL, Arezzo; (2) INRA-UAFF, Orl’aans, France
Collocazione: c6.8.15 – Tipo Comunicazione: Presentazione orale
6° Congresso SISEF *
Sessione 8: “Poster: “Biodiversità, cambiamenti climatici, monitoraggio”” *

Contatto: Fulvio Ducci (fulvio.ducci@entecra.it)

Abstract: Si illustra il programma europeo, Azione Coordinata, denominata Treebreedex (contratto 26076, RICA), finanziata nell’ambito del VI programma quadro. L’azione prevede la realizzazione di una infrastruttura virtuale che riunisce 28 Istituti o Laboratori di miglioramento delle risorse genetiche forestali sperimentali di 18 paesi europei. Per il nostro Paese partecipano il CRA-ISSEL, Lab. per le Risorse Genetiche Forestali di Arezzo e il CRA-ISPIO di Casale Monferrato. Coordinato dall’INRA di Orl’aans, il programma si svolge su 5 azioni, oltre a quella di coordinamento generale, miranti ciascuna a coprire un determinato settore di ricerca e sperimentazione, con lo scopo generale di inventariare risorse, professionalità, infrastrutture nei diversi ambienti, naturali, economici e sociali, dell’Unione Europea. Nella prima fase le azioni sono volte alla predisposizione e realizzazione di data base, successivamente questi saranno utilizzati per individuare i punti o i settori da rafforzare o da impiegare secondo le necessità che nel tempo si presenteranno per l’UE. Il programma ha anche lo scopo coagulare professionalità e capacità tecnologiche per la formulazione di proposte da presentare per programmi di R e D. Le azioni intraprese sono per il momento concentrate su una rosa di specie modello di cui gli istituti del CRA curano: il ciliegio selvatico, i pioppi, il frassino e per l’ambiente mediterraneo i pini della Sez. halepensis e gli abeti mediterranei. Le azioni o “task“ in cui è suddiviso il progetto sono le seguenti: Azione 1 – coordinamento generale. Azione 2 – Creazione del Centro Virtuale Europeo di Miglioramento di specie forestali; Azione 3 – Strutturazione geografice della diversità genetica forestale finalizzata all’individuazione di Regioni di provenienenza o “breeding zones“ Azione 4 – Struttura, organizzazione e gestione di lungo termine dei materiali di base e delle risorse genetiche forestali; Azione 5 – Ottimizzazione delle strategie di miglioramento e formazione professionale dei ricercatori; Azione 6 – Ottimizzazione della valorizzazione dei materiali migliorati e selezionati prodotti. In questa fase storica è di particolare interesse la finalità generale di individuazione di strategie per monitorare il comportramento delle specie e far fronte agli effetti dei cambiamenti climatici su di esse. Il CRA si sta impegnando per valorizzare e produrre proposte per le specie di interesse mediterraneo, sicuramente le prime a dover affrontare il suddetto fenomeno.

Citazione: Ducci F , Paques LE (2007). Il Programma Europeo TREEBREEDEX . 6° Congresso Nazionale SISEF, Arezzo, 25 – 27 Set 2007, Contributo no. #c6.8.15