c6.5.24 – Densità di biomassa e necromassa arborea epigea in cedui di cerro in invecchiamento in Toscana

Bertini G*, Fabbio G, Piovosi M

ISSEL-CRA, Arezzo
Collocazione: c6.5.24 – Tipo Comunicazione: Presentazione orale
6° Congresso SISEF *
Sessione 5: “Poster: “Selvicoltura, pianificazione, paesaggio”” *

Contatto: Giada Bertini (gbertini@inwind.it)

Abstract: Si quantificano le densità di biomassa e necromassa legnosa arborea epigea accumulate in cedui in invecchiamento naturale per sospensione delle utilizzazioni. Queste tipologie rappresentano oggi una quota parte importante dell’area originale anche nella fascia di vegetazione del cerro cui appartengono i cedui più produttivi. Si esaminano tre soprassuoli di età compresa tra 44 e 55 anni in stazioni diverse dell’areale della specie, dall’area tirrenica sub-costiera a quella collinare interna fino a quella sub-montana appenninica. La formazione e l’accumulo di sostanza organica e quindi la segregazione del carbonio rappresentano una delle valenze attribuite a queste tipologie nella fase attuale di post-coltura e uno dei possibili contributi del bosco alla mitigazione del clima. Sono esaminate le quantità di biomassa legnosa in piedi distinta nelle componenti massa del fusto e rami grossi e massa dei rami sottili, la necromassa in piedi e la necromassa a terra distinta in 3 classi di decadimento. I valori di massa in piedi sono stati determinati mediante relazioni allometriche sviluppate per le medesime tipologie e territorio, quelli di necromassa per campionamento sistematico della superficie di monitoraggio e raccolta e classificazione del materiale legnoso a terra presente sulle aree elementari. I valori di massa viva risultanti sono compresi tra i 160 ed i 310 Mgha-1, costituiti per circa il 95% da massa del fusto e rami grossi; la necromassa totale varia da 22 a 30 Mgha-1 e rappresenta dal 9 al 14% della massa viva in piedi. La proporzione necromassa in piedi/a terra è di 1 a 3 nei due soprassuoli di età maggiore e di 3 a 1 in quello più giovane. La classe di decadimento largamente più rappresentata in tutti i siti (60-85%) è quella intermedia. Lavoro svolto nel progetto Riselvitalia 3.2.

Citazione: Bertini G, Fabbio G, Piovosi M (2007). Densità di biomassa e necromassa arborea epigea in cedui di cerro in invecchiamento in Toscana . 6° Congresso Nazionale SISEF, Arezzo, 25 – 27 Set 2007, Contributo no. #c6.5.24