c6.1.26 – Uno strumento di supporto alla gestione multifunzionale delle Pinete nelle Alpi occidentali

Vacchiano G* (1), Motta R (1), Long JN (2), Shaw JD (3)

(1) Dip. Agroselviter, Università di Torino, Via da Vinci 44, 10095 Grugliasco (TO); (2) Dep. Wildland Resources, Utah State University, Logan, UT (USA); (3) Forest Inventory and Analysis, Rocky Mountain Research Station, Ogden, UT (USA)
Collocazione: c6.1.26 – Tipo Comunicazione: Presentazione orale
6° Congresso SISEF *
Sessione 1: “Sessione 1: Selvicoltura, pianificazione, paesaggio” *

Contatto: Giorgio vacchiano (giorgio.vacchiano@unito.it)

Abstract: Il pino silvestre (Pinus sylvestris L.) occupa nelle Alpi occidentali 31000 ha ed è presente in tutte le zone bioclimatiche, da quella esalpica alle vallate più continentali. La struttura delle pinete è il risultato dell’influenza che l’uomo ha da tempo esercitato sull’ecosistema forestale; ai disturbi di lunga durata si sono aggiunti nell’ultimo secolo gli effetti dell’abbandono dei territori montani e il più recente processo di deperimento, particolarmente evidente nelle aree siccitose. Tali cambiamenti possono ripercuotersi sull’equilibrio uomo-foresta e mettere rapidamente a rischio la continuità dei servizi prestati dalle pinete alpine. Per rispondere all’esigenza di una gestione multifunzionale pur nel contesto dei mutamenti in corso, è stato predisposto un sistema di supporto alle decisioni selvicolturali a scala regionale, basato sulle relazioni allometriche tra provvigione, densità, fertilità stazionale e dimensioni medie degli individui, capace di prevedere lo sviluppo dei popolamenti in funzione della loro struttura attuale e delle caratteristiche del sito. Questo contributo illustra la metodologia di costruzione e la modalità di utilizzo di un diagramma di gestione della densità (DMD) per il pino silvestre, elaborato a partire dai dati di oltre 200 aree di saggio misurate nell’ambito della redazione degli inventari forestali di Piemonte e Valle d’Aosta. Casi di studio illustrano l’utilità del DMD per la programmazione, visualizzazione e confronto degli obiettivi selvicolturali; a seconda delle funzioni richieste alla pineta sono stati ipotizzati scenari differenti, caratterizzando gli obiettivi con parametri strutturali quantitativi e confrontando le strategie selvicolturali atte a raggiungerli.

Citazione: Vacchiano G , Motta R , Long JN , Shaw JD (2007). Uno strumento di supporto alla gestione multifunzionale delle Pinete nelle Alpi occidentali . 6° Congresso Nazionale SISEF, Arezzo, 25 – 27 Set 2007, Contributo no. #c6.1.26