c6.1.18 – I tipi forestali della riserva naturale orientata valle del fiume Argentino

Scarfò F*, Mercurio R, Bagnato S

Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agrari e Forestali, Feo di Vito, Reggio Calabria
Collocazione: c6.1.18 – Tipo Comunicazione: Presentazione orale
6° Congresso SISEF *
Sessione 1: “Sessione 1: Selvicoltura, pianificazione, paesaggio” *

Contatto: Roberto Mercurio (rmercurio@unirc.it)

Abstract: L’inquadramento dei boschi di un territorio è un presupposto fondamentale per la comprensione delle dinamiche forestali e l’applicazione di strategie di gestione sostenibili. In questo lavoro l’approccio metodologico delle tipologie forestali, già adottato per altre regioni italiane, viene applicato, con i dovuti accorgimenti, per l’inquadramento dei boschi della Riserva Naturale Orientata Valle del Fiume Argentino (Orsomarso, CS). Il lavoro si è articolato in 4 fasi e per successive approssimazioni: fase 1, analisi bibliografica e delle conoscenze acquisite; fase 2, verifica preliminare in bosco delle unità tipologiche; fase 3, descrizione delle diverse unità fase 4, validazione definitiva delle unità tipologiche. Sono state così individuate 11 categorie e 15 unità tipologiche. La descrizione delle singole unità tipologiche è stata redatta sotto forma di schede in cui vengono riassunte informazioni di natura diversa e relative all’inquadramento dell’unità tipologica (classificazione tipologica e rispettivi riferimenti alle altre classificazioni europee), alla sua localizzazione, alla descrizione degli indicatori qualitativi (disturbi, rinnovazione, tendenze dinamiche naturali; SDT, CWD ecc.) e quantitativi (diametro medio, altezza media, area basimetrica, massa legnosa, incremento ecc.) al funzionamento e alla gestione attuale. Per una migliore comprensione del funzionamento dei tipi sono stati individuati e proposti dei modelli silvologici basati sul Pattern Spaziale di Interazione Collettiva Relativa (PSICR) e sulle principali caratteristiche che influenzano e caratterizzano i sistemi forestali (disponibilità di risorse, tipo e frequenza dei disturbi, stadio di sviluppo, ecc.). L’uso del software ArcGIS 9.0 ha consentito di calcolare: le statistiche zonali e quindi di mettere in relazione le singole unità tipologiche con le principali variabili topografiche e geo-pedologiche. In modo particolare è risultata interessante la discriminazione ecologica tramite GIS, attraverso l’uso dell’indice di Gams, fra le sottocategorie delle faggete macro e microterme. L’utilizzo del GPS di ultima generazione GeoXT, Trimble ha facilitato la produzione della Carta delle tipologie forestali e di altre carte ritenute utili per la gestione delle risorse forestali. I dati raccolti hanno consentito di formulare delle ipotesi di gestione sostenibile per ogni singola unità tipologica.

Citazione: Scarfò F, Mercurio R, Bagnato S (2007). I tipi forestali della riserva naturale orientata valle del fiume Argentino . 6° Congresso Nazionale SISEF, Arezzo, 25 – 27 Set 2007, Contributo no. #c6.1.18