c5.7.55 – Le formazioni forestali a prevalenza di leccio: selvicoltura per la conservazione e il ripristino

Manetti MC (1)

(1) C.R.A. Istituto Sperimentale per la Selvicoltura, v.le S. Margherita 80, 52100 Arezzo
Collocazione: c5.7.55 – Tipo Comunicazione: Poster
5° Congresso SISEF *
Sessione 7: “Poster” *

Contatto: MC Manetti (manetti@selvicoltura.org)

Abstract: La ricerca si inquadra nell’ambito del progetto finalizzato RI.SELV.ITALIA e prevede la messa a punto di criteri selvicolturali per la valorizzazione e il miglioramento dei soprassuoli cedui di leccio e delle formazioni a sclerofille mediterranee. Aree rappresentative delle tipologie (cedui di leccio e macchia mediterranea), delle forme di trattamento (evoluzione naturale, interventi di diradamento, avviamento ad alto fusto), della fertilità e delle condizioni stazionali sono state selezionate in Toscana e Sardegna. La caratterizzazione selvicolturale, strutturale ed ecologica ha permesso di comparare i popolamenti in funzione del trattamento attuale e delle modalità della gestione passata, di definire la fase evolutiva e le dinamiche in atto e di valutare l’impatto degli interventi selvicolturali. I primi risultati evidenziano che i soprassuoli analizzati si diversificano per composizione specifica e caratteristiche strutturali e mostrano differenti fasi e dinamiche evolutive in funzione sia della finalità della gestione – regime di protezione o gestione ordinaria ‘ sia delle caratteristiche intrinseche ai popolamenti. Sono state evidenziate tre principali tipologie strutturali: a) cedui a prevalenza di leccio con elementi della macchia mediterranea in posizione subordinata e dominata; b) cedui a prevalenza di leccio con presenza consistente degli elementi più mesofili della macchia; c) macchia mediterranea poco evoluta a dominanza di elementi termofili e xerofili con residue matricine di leccio. Tali formazioni rappresentano momenti di un processo dinamico evolutivo per la cessazione delle principali cause di degradazione (ceduazione e pascolo) che per secoli hanno condizionato lo sviluppo delle cenosi mediterranee.

Citazione: Manetti MC (2005). Le formazioni forestali a prevalenza di leccio: selvicoltura per la conservazione e il ripristino . 5° Congresso Nazionale SISEF, Grugliasco (TO), 27 – 29 Set 2005, Contributo no. #c5.7.55