c3.8.1 – Studio della variabilità morfologica in semenzali di Fraxinus oxycarpa Bieb. di provenienze lucane.

Pierangeli D*, Todaro L

Dip.to Produzione Vegetale, sez. Selvicoltura, Università della Basilicata – v. N. Sauro, 85 – 85100 Potenza
Collocazione: c3.8.1 – Tipo Comunicazione: Presentazione orale
3° Congresso SISEF *
Sessione 8: “Arboricoltura da Legno” *

Contatto: Luigi Todaro (arbleg3@unibas.it)

Abstract: Le osservazioni preliminari sulla crescita dei semenzali possono essere importanti per la selezione di provenienze idonee all’arboricoltura da legno. Per il frassino meridionale è stata compiuta una ricerca con lo scopo di valutare statisticamente, secondo caratteri morfometrici (diametro, altezza, numero di rami e numero di gemme), le differenze esistenti fra semenzali di due anni, appartenenti a 21 piante madri di 10 provenienze lucane di frassino meridionale. Scopo della ricerca è stata la classificazione (in gruppi) di piante madri la cui progenie ha comportamento simile riguardo alle variabili esaminate. I risultati indicano che, per i parametri considerati, ci sono differenze significative tra le piante madri. Vi sono, inoltre, considerando i dati medi scaturiti dalle piantine campionate, relazioni positive tra il diametro e l’altezza, tra il diametro e il numero di rami e tra l’altezza e il numero dei rami. Mediante le analisi dei cluster sono stati individuati tre gruppi di piantine che hanno attitudine ad avere “comportamenti” diversi in relazione ai dati medi dei parametri misurati: alti valori medi, valori intermedi e bassi valori medi dei parametri considerati. Una seconda cluster ha evidenziato l’esistenza di 4 gruppi principali di piante madri che generano piantine confluenti nei tre diversi “comportamenti”.

Citazione: Pierangeli D, Todaro L (2001). Studio della variabilità morfologica in semenzali di Fraxinus oxycarpa Bieb. di provenienze lucane. . 3° Congresso Nazionale SISEF, Viterbo, 15 – 18 Ott 2001, Contributo no. #c3.8.1