c3.4.7 – Valutazione di impianti di arboricoltura da legno attuati in Emilia-Romagna in rapporto alla tipologia del suolo

Cinti S (1), Ponti F (1), Scotti C (3), Minotta G (2), Bagnaresi U (1)

1) Dipartimento di Colture Arboree, Università di Bologna (2) Dipartimento Agroselviter, Università di Torino (3) Cooperativa Iter, Bologna
Collocazione: c3.4.7 – Tipo Comunicazione: Poster
3° Congresso SISEF *
Sessione 4: “Arboricoltura per la produzione e per l’ambiente” *

Contatto: Stefano Cinti (forestry@agrsci.unibo.it)

Abstract: Viene illustrata un’indagine volta a mettere in relazione lo sviluppo vegetativo di impianti di arboricoltura da legno realizzati in Emilia-Romagna, con il corrispondente tipo di suolo. In particolare, lo studio analizza impianti in purezza o in consociazione di noce comune (Juglans regia), ciliegio selvatico (Prunus avium), frassino (Fraxinus spp.) e farnia (Quercus robur). Sono stati selezionati 30 impianti, di età compresa tra 6 e 19 anni, distribuiti in modo rappresentativo sulla base dei principali tipi di suolo della pianura e della collina emiliano-romagnola. La caratterizzazione pedologica di ciascun impianto è avvenuta integrando i dati della Carta Pedologica Regionale con ulteriori indagini eseguite in loco. In ciascun rimboschimento, gli accrescimenti sono stati valutati su campioni rappresentativi di 30 piante delle principali specie considerate. Sono state poi eseguite interviste ai conduttori al fine di acquisire informazioni sulle cure colturali attuate. Inoltre, nei popolamenti considerati è stato applicato un algoritmo che, attraverso la parametrizzazione di alcune caratteristiche facilmente determinabili sui fusti (lunghezza utile del toppo, dirittezza del fusto, presenza di difetti, ecc.), fornisce un indice di attitudine alla produzione di legno di qualità (Ponti e Baratozzi, 1999). Tutti gli impianti considerati sono stati oggetto, nel corso degli anni, di una o due campagne di rilievi sullo sviluppo e sulla qualità del fusto. Sarà quindi possibile giungere alla valutazione dell’andamento degli accrescimenti, verificare la rispondenza dell’indice di qualità a distanza di alcuni anni e fare previsioni circa gli assortimenti retraibili a fine ciclo.

Citazione: Cinti S , Ponti F , Scotti C , Minotta G , Bagnaresi U (2001). Valutazione di impianti di arboricoltura da legno attuati in Emilia-Romagna in rapporto alla tipologia del suolo . 3° Congresso Nazionale SISEF, Viterbo, 15 – 18 Ott 2001, Contributo no. #c3.4.7