c3.2.9 – Isotopi stabili e ciclo del carbonio in una foresta dell’Italia centrale

Scartazza A (1)*, Matteucci G (2), Mata C (1), Battistelli A (1), Moscatello S (1), Scarascia Mugnozza G (2), Brugnoli E (1)

(1) Ist. per l’Agroselvicoltura, CNR Porano (TR), (2) Dip. di Scienze dell’Ambiente Forestale e delle sue Risorse, Universita’ degli Studi della Tuscia, Viterbo
Collocazione: c3.2.9 – Tipo Comunicazione: Presentazione orale
3° Congresso SISEF *
Sessione 2: “Foreste e selvicoltura per gli equilibri climatici” *

Contatto: Andrea Scartazza (a.scartazza@ias.tr.cnr.it)

Abstract: E’ noto che gli ecosistemi terrestri svolgono un ruolo fondamentale nella regolazione del ciclo del carbonio; rimangono però da comprendere con maggiore chiarezza i processi che governano lo stoccaggio ed il rilascio del carbonio e gli effetti esercitati su questi dalle variazioni dei principali fattori climatici. La tecnica della correlazione turbolenta (eddy covariance) consente di misurare in continuo gli scambi netti di CO2 tra ecosistema ed atmosfera in situ senza disturbare l’ambiente sovrastante la copertura vegetale; tuttavia, per comprendere i meccanismi e conoscere l’identità delle singole componenti che stanno alla base di tali scambi netti è necessario associare alle misure di eddy covariance altre tecniche di indagine. Tra tali tecniche, l’analisi isotopica costituisce un valido approccio per ricavare ulteriori informazioni sul funzionamento dell’ecosistema e per quantificare il contributo delle sue differenti componenti agli scambi gassosi tra biosfera ed atmosfera. A tal fine una serie di indagini sono state avviate presso la faggeta sperimentale di Collelongo (AQ) equipaggiata con sensori micrometeorologici e con la strumentazione idonea alla determinazione degli scambi gassosi di ecosistema. Campioni di aria, di suolo e di materiale vegetale (sostanza secca e carboidrati di diversi organi) sono stati prelevati durante differenti periodi della stagione vegetativa al fine di conoscere in maniera dettagliata la firma isotopica delle maggiori componenti dell’ecosistema, i frazionamenti isotopici associati agli specifici processi che intervengono nel determinare gli scambi netti tra biosfera ed atmosfera e le interazioni con l’ambiente. I risultati verranno presentati e discussi in funzione del loro possibile impiego per l’analisi qualitativa e quantitativa degli scambi gassosi dell’ecosistema in studio.

Citazione: Scartazza A , Matteucci G , Mata C , Battistelli A , Moscatello S , Scarascia Mugnozza G , Brugnoli E (2001). Isotopi stabili e ciclo del carbonio in una foresta dell’Italia centrale . 3° Congresso Nazionale SISEF, Viterbo, 15 – 18 Ott 2001, Contributo no. #c3.2.9