c3.2.4 – Assorbimento di carbonio negli ecosistemi forestali mediterranei: confronto tra una lecceta e una pineta

Tirone G (1), Valentini R (1), Seufert G (2)

(1) Dip. Scienze dell’Ambiente Forestale e delle sue Risorse, Università degli studi della Tuscia, (2) environmental institute, JRC, Ispra
Collocazione: c3.2.4 – Tipo Comunicazione: Presentazione orale
3° Congresso SISEF *
Sessione 2: “Foreste e selvicoltura per gli equilibri climatici” *

Contatto: Giampiero Tirone (tirone@unitus.it)

Abstract: Il lavoro analizza lo scambio netto di ecosistema (NEE) di anidride carbonica in due diverse formazioni forestali mediterranee: una lecceta (Q. ilex L.) ed una pineta (Pinus marittima L.). La lecceta, situata all’interno della Tenuta Presidenziale di Castelporziano, è costituita da un popolamento avviato ad alto fusto, derivante da un ceduo invecchiato, che presenta caratteristiche di graduale rinaturalizzazione. La pineta, situata nel parco regionale S.Rossore-Migliarino-Massaciuccoli, è costituita da un rimboschimento monospecifico di 35 anni. I siti sono caratterizzati da condizioni edafiche, micrometereologiche e idrografiche praticamente identiche. La stessa strumentazione, per le misure dei flussi di CO2 e H2O, è quella standard prevista dal progetto CE-Carboeuroflux, all’interno del quale si inseriscono i due siti sperimentali. Il confronto delle variazioni stagionali ed interannuali dei flussi di carbonio, negli anni 2000 e 2001, mostra il diverso comportamento dei popolamenti legato esclusivamente alle caratteristiche specifiche risultando le variazioni stagionali dei parametri ambientali uguali in entrambe le località.

Citazione: Tirone G , Valentini R , Seufert G (2001). Assorbimento di carbonio negli ecosistemi forestali mediterranei: confronto tra una lecceta e una pineta . 3° Congresso Nazionale SISEF, Viterbo, 15 – 18 Ott 2001, Contributo no. #c3.2.4