c3.11.5 – Un’esperienza di pianificazione sovraziendale per l’altopiano di Pinè (TN): il ‘piano pilota di sviluppo forestale sostenibile’

Bronzini L (1), Sottovia L (2)*, Odasso M (3)

(1) v. De Gasperi, 5 – Fiavè TN (2) Servizio Foreste – Provincia Autonoma di Trento -38100 Trento (3) v. Tessara, 2 – Canzolino, Pergine Valsugana TN
Collocazione: c3.11.5 – Tipo Comunicazione: Presentazione orale
3° Congresso SISEF *
Sessione 11: “Selvicoltura” *

Contatto: Lucio Sottovia (lucio.sottovia@provincia.tn.it)

Abstract: Il Piano pilota di sviluppo forestale sostenibile dell’Altopiano di Piné ha lo scopo di: -elaborare una metodologia di pianificazione forestale sovra-aziendale, intermedia tra il Piano Generale Forestale ed i piani di assestamento: -introdurre l’uso di nuovi strumenti tecnici come i GIS, i tipi forestali, l’analisi multifunzionale, gli aspetti partecipativi di consultazione. L’Altopiano di Pinè è un territorio in cui il bosco ha un elevato valore sia per aspetti legati alla produzione di legname, sia per la funzione estetico ‘ ricreativa e naturalistica. Partendo dalla banca dati provinciale SIAT, viene elaborata un’analisi ecologica ed una descrizione dell’assetto territoriale basata su una serie di cartografie tematiche georeferenziate. L’uso della tipologia forestale viene introdotto ed utilizzato quale chiave di lettura ecologico ‘ vegetazionale e di interpretazione delle dinamiche in atto. Al tempo stesso esso si propone quale riferimento nei processi di normalizzazione dei soprassuoli. Viene inoltre utilizzato un modello informatico di previsione dei tipi forestali a livello di particella. L’analisi multifunzionale del territorio forestale viene impostata attraverso la definizione delle principali funzioni riconosciute al bosco; ad ogni particella vengono attribuiti dei giudizi di valore per ciascuna funzione attraverso un processo basato su regole quali-quantitative e su un giudizio tecnico finale che esprime delle priorità. Recependo linee guida di politica forestale comunitaria, vengono definite per ciascun gruppo di tipi forestali indicazioni selvicolturali orientate alla Gestione Forestale Sostenibile. La fase partecipativa sviluppa un modo di coinvolgimento delle amministrazioni locali di tipo reattivo riguardo alla proposta progettuale del piano in elaborazione.

Citazione: Bronzini L , Sottovia L , Odasso M (2001). Un’esperienza di pianificazione sovraziendale per l’altopiano di Pinè (TN): il ‘piano pilota di sviluppo forestale sostenibile’ . 3° Congresso Nazionale SISEF, Viterbo, 15 – 18 Ott 2001, Contributo no. #c3.11.5