c3.11.2 – Cure colturali in rimboschimenti di conifere nel piano subalpino: l’esempio di Monte Rotta (Sestriere, TO)

Motta R (1)*, Borgato D (1), Dotta A (2), Lingua L (1), Motta Frè V (3)

(1) Dip. Agroselviter, Univ. Torino (2) CFAVS Oulx (3) Settore Gestione Proprietà Forestali Regionali e Vivaistiche, Regione Piemonte
Collocazione: c3.11.2 – Tipo Comunicazione: Poster
3° Congresso SISEF *
Sessione 11: “Selvicoltura” *

Contatto: Renzo Motta (rmotta.selv@iol.it)

Abstract: Nei decenni passati in molte vallate piemontesi sono stati effettuati estesi rimboschimenti di conifere. Nella maggior parte dei casi sono state eseguite cure colturali sporadiche e poco efficaci. Per questo motivo la Regione Piemonte ha predisposto una rete di interventi dimostrativi in rimboschimenti di conifere di cui il comprensorio di Monte Rotta (Sestriere, TO) è quello situato alla quota più elevata. Questo comprensorio è stato interessato dalla fine del secondo conflitto mondiale fino alla metà degli anni ’80 da rimboschimenti successivi di larice, pino cembro, pino uncinato, abete bianco, abete rosso ed altre specie. Nel lungo arco temporale di effettuazione degli impianti sono state utilizzate tecniche e sesti di impianto molto diversi tra loro mentre le cure colturali sono state sporadiche. L’area di studio ha un’estensione di circa 142 ha, di cui 91 boscati, e si sviluppa tra le quote di 2040 m e 2290 m s.l.m. Nel rimboschimento sono stati individuati due popolamenti in cui effettuare diradamenti sperimentali. Gli interventi sono stati eseguiti con l’obiettivo di aumentare la stabilità dei soprassuoli caratterizzati da età e condizioni di crescita omogenee che porterebbero alla formazione di fustaie uniformi, instabili e difficili da ringiovanire. In particolare si è effettuato un taglio finalizzato alla delimitazione e separazione di gruppi di alberi: la tessitura a gruppi rappresenta infatti la situazione naturale dei boschi subalpini, quella che offre la maggior stabilità e quella che, in futuro, offrirà le maggiori garanzie di perpetuazione del popolamento forestale.

Citazione: Motta R , Borgato D , Dotta A , Lingua L , Motta Frè V (2001). Cure colturali in rimboschimenti di conifere nel piano subalpino: l’esempio di Monte Rotta (Sestriere, TO) . 3° Congresso Nazionale SISEF, Viterbo, 15 – 18 Ott 2001, Contributo no. #c3.11.2