c2.2.10 – Primi risultati di prove di progenie di roverella (Quercus pubescens Willd.) in Sardegna

Giannini R* (1), Paffetti D (1), Puxeddu M (2)

(1) Istituto di Miglioramento Genetico delle Piante Forestali – CNR – Firenze; (2) Servizi Forestali Regionali – Regione Sardegna, Cagliari
Collocazione: c2.2.10 – Tipo Comunicazione: Presentazione orale
2° Congresso SISEF *
Sessione 2: “Biodiversità nei sistemi forestali: dalle indagini di base alle prospettive applicative” *

Abstract: In Sardegna le formazioni a Quercus pubescens, sono localizzate in prevalenza nelle aree montane della parte centro-settentrionale dell’isola dove il clima si modifica in senso freddo-umido. In effetti non si riscontra un distinto orizzonte vegetazionale a roverella in quanto non è manifesta una vera e propria indipendenza dal cingolo a Quercus ilex. La presenza continua della specie anche con piante isolate o gruppi di piante in ambienti pedologici e climatici assai differenziati, testimonia comunque antiche espansioni e successivi ritiri nell’abito delle foreste miste a sclerofille sempreverdi. Non ultima l’azione antropica, particolarmente sensibile negli ultimi 100-150 anni, è stata fattore incisivo nel determinare l’attuale di presenza. L’esigenza di intraprendere un’azione di salvaguardia e di ripristino è stato motivo portante nella impostazione e nello sviluppo di una serie di ricerche incentrate sulla strutturazione della variabilità genetica a livello inter ed intrapopolazione, sulla stima della componente genetica nell’espressione fenotipica di alcuni caratteri nonché sulla capacità di adattamento in condizioni limite per l’autoecologia della specie. In questa nota si riferirà sui primi risultati di prove di progenie per la stima dell’ereditabilità (senso stretto) in caratteri morfometrici nell’ambito di discendenze individuali ottenute da singoli alberi appartenenti a 7 popolazioni autoctone sarde. Si è considerata l’altezza raggiunta dalle piante dopo tre anni dall’impianto e si è proceduto seguendo quanto previsto per il calcolo delle formule h2i=rirG e h2f=[1+(n-1)rG[1+(n-1)ri h2i. Si sono ottenute stime di ereditabilità pari a 0.14 e 0.64 rispettivamente per i valori individuali e media di famiglie.

Citazione: Giannini R , Paffetti D , Puxeddu M (1999). Primi risultati di prove di progenie di roverella (Quercus pubescens Willd.) in Sardegna . 2° Congresso Nazionale SISEF, Bologna, 20 – 22 Ott 1999, Contributo no. #c2.2.10