c2.1.17 – La presenza della farnia in alcuni boschi planiziali della costiera Toscana nel XVIII secolo

Agnoletti M

Istituto di Assestamento e Tecnologia Forestale, Univ. Firenze, v. S. Bonaventura 13, 50145 Firenze (FI)
Collocazione: c2.1.17 – Tipo Comunicazione: Presentazione orale
2° Congresso SISEF *
Sessione 1: “Selvicoltura sostenibile e metodi innovativi di pianificazione” *

Abstract: Le variazioni della biodiveristà specifica e i fattori che l’hanno determinata rappresentano oggi uno dei temi più attuali delle indagini storiche in campo forestale. Così come accaduto in altre parti d’Europa le indagini sui boschi toscani sembrano confermare una netta regressione della presenza della querce, descrittà già nell’800, ma che ha origine nei periodi precedenti. Alla metà del XVIII secolo, per assecondare le esigenze della marina Toscana le autorità Granducali decisero di realizzare una indagine sulla presenza e la consistenza dei querceti da marina nei boschi del litorale toscano, così come fatto dalla Repubblica di Venezia nei secoli precedenti. In quel tempo le quercie utilizzate per le costruzioni navali erano essenzialmente la farnia e la rovere (Quercus sessiliflora A.DC), ma considerando le caratteristiche ecologiche dei boschi litoranei toscani la specie maggiormente rappresentata era sicuramente la farnia. L’indagine granducale rappresenta l’unica testimonianza certa sulla presenza e consistenza di questa specie nel XVIII secolo, oggi presente in boschi relitti di minima estensione. L’inventario registrò la presenza di circa 65.000 piante di varie dimensioni, presenti in vari popolamenti disposti lungo una fascia di territorio di circa 10-12 km di profondità, che andava dai confini con lo stato Pontificio fino al territorio di Pietrasanta (LU). Le utilizzazioni forestali successive furono probabilmente responsabili della sparizione di questi boschi assai importanti anche per le popolazioni locali.

Citazione: Agnoletti M (1999). La presenza della farnia in alcuni boschi planiziali della costiera Toscana nel XVIII secolo . 2° Congresso Nazionale SISEF, Bologna, 20 – 22 Ott 1999, Contributo no. #c2.1.17