c1.6.5 – Cambiamento globale e deperimento del leccio: il caso di Phytophthora quercina

Jung T (1), Paoletti E (2)

(1) Lehrstuhl fuer Forstbotanik, University of Munich (LMU), Freising, Germany (2) Istituto per la Patologia degli Alberi Forestali, CNR, Firenze, Italy
Collocazione: c1.6.5 – Tipo Comunicazione: Poster
1° Congresso SISEF *
Sessione 6: “Poster” *

Abstract: Il deperimento del bosco rappresenta una delle maggiori cause di perdita di funzionalità, e quindi di produttività, degli ecosistemi forestali. Nonostante questo, i fattori responsabili di tale degrado non sono stati ancora completamente chiariti. Fra le cause di deperimento delle querce europee, per esempio, si annoverano oggi attacchi di funghi e insetti, inquinamento e fluttuazioni climatiche. In particolare ci si aspetta che quest’ultime possano giocare un ruolo nel deperimento delle querce, sia influenzando direttamente le piante che le loro interazioni con insetti e funghi. Per es., inverni miti e primavere piovose possono favorire la sopravvivenza e la propagazione dell’oomicete Phytophthora, inducendone una maggiore aggressività su piante deperienti. Poichè la sintomatologia ricorda quella dovuta ad attacchi di Phytophthora su querce in Spagna e California (Brasier et al., 1993; Mircetich et al., 1977), su faggio ed altre specie in Gran Bretagna (Brasier e Strouts, 1976), su eucalipti in Australia (Shearer e Tippet, 1989), anche in Italia è stata monitorata la presenza di Phytophthora su varie specie di quercia (Jung et al., 1996). Studi particolari hanno consentito di accertare attacchi di Phytophthora su lecci deperienti in Toscana (Blaschke et al., 1996). L’obbiettivo del presente studio è quello di acquisire le conoscenze di base atte a verificare l’effetto delle caratteristiche climatiche dell’area mediterranea e delle loro fluttuazioni sull’ecologia di specie di Phytophthora isolate da lecci deperienti.

Citazione: Jung T , Paoletti E (1997). Cambiamento globale e deperimento del leccio: il caso di Phytophthora quercina . 1° Congresso Nazionale SISEF, Legnaro (PD), 04 – 06 Giu 1997, Contributo no. #c1.6.5