c1.6.2 – Danni da ungulati su rimboschimenti previsti dai Regg. CEE 2078/92 e 2080/92

Genghini M M, Capizzi D

Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica, Ozzano Emilia (BO)
Collocazione: c1.6.2 – Tipo Comunicazione: Poster
1° Congresso SISEF *
Sessione 6: “Poster” *

Abstract: Obiettivo del presente studio è stato quello di verificare l’entità e la tipologia dei danni arrecati dagli Ungulati agli impianti previsti dai regolamenti comunitari 2078/92 e 2080/92 nell’ambito dei miglioramenti ambientali a fini faunistici. La ricerca è stata condotta in tre aziende faunistico-venatorie in un’area collinare dell’Appennino emiliano-romagnolo in provincia di Bologna. Mediante osservazione diretta sulle singole piante messe a dimora, sono stati rilevati sia i danni causati dalla brucatura che quelli prodotti dallo sfregamento degli Ungulati, soprattutto Capriolo (Capreolus capreolus) e Cinghiale (Sus scropha). Sono state analizzate le differenze tra le varie specie di alberi e arbusti impiegate. Tra i fattori in grado di influenzare maggiormente i connotati e l’entità dei danni sono stati considerati il grado di mescolanza delle specie trapiantate e la densità degli ungulati presenti nelle tre aree di studio.

Citazione: Genghini M M, Capizzi D (1997). Danni da ungulati su rimboschimenti previsti dai Regg. CEE 2078/92 e 2080/92 . 1° Congresso Nazionale SISEF, Legnaro (PD), 04 – 06 Giu 1997, Contributo no. #c1.6.2