c1.3.2 – Foreste alpine e biodiversità: il problema degli ungulati selvatici

Motta R

Dipartimento di Agronomia, Selvicoltura e Gestione del Territorio, Università di Torino
Collocazione: c1.3.2 – Tipo Comunicazione: Presentazione orale
1° Congresso SISEF *
Sessione 3: “Biodiversità, strutture e funzioni delle comunità forestali” *

Abstract: La quasi totalità delle foreste alpine è stata nel passato utilizzata, più o meno intensamente, per il pascolo degli animali domestici. Questo uso tradizionale delle foreste ha avuto il suo apice nel secolo scorso mentre è diminuito in intensità e in estensione nel secolo attuale. La presenza degli ungulati domestici in foresta è stata sostituita, a partire dagli anni ’60, da quella degli ungulati selvatici, per i quali in questi ultimi decenni si registra un notevole incremento numerico, a causa dell’aumento delle aree abbandonate dal settore primario, della riduzione della pressione venatoria legale e non, delle operazioni di ripopolamento o reintroduzione, del miglioramento delle condizioni climatiche, che favorisce la sopravvivenza invernale degli animali. Queste elevate densità provocano dei problemi per la rinnovazione forestale e per le specie animali e vegetali che vivono negli strati arbustivo ed erbaceo. Le foreste di montagna sono maggiormente esposte a questi rischi in quanto la rinnovazione resta per lunghi periodi di dimensioni tali da incorrere nel rischio di danneggiamento da parte degli ungulati. L’obbiettivo di questo lavoro consiste nella valutazione delle conseguenze del sovraccarico di ungulati sulla biodiversità e sulla struttura delle foreste della regione alpina. La ricerca è stata effettuata in diverse aree campione, localizzate sia nel settore occidentale, sia nel settore orientale della catena alpina, ed ha evidenziato il pericolo rappresentato dalla mancanza di un equilibrio faunistico-forestale soprattutto nelle aree con presenza di una selvicoltura basata su reclutamento di rinnovazione naturale e nelle aree a maggiore vocazione naturalistica.

Citazione: Motta R (1997). Foreste alpine e biodiversità: il problema degli ungulati selvatici . 1° Congresso Nazionale SISEF, Legnaro (PD), 04 – 06 Giu 1997, Contributo no. #c1.3.2